Sei in: Home » Articoli

Sì al decreto banche: lo stato salva MPS

Dopo il fallimento del tentativo di aumento di capitale sul mercato, il provvedimento approvato nella notte rappresenta un paracadute per la banca
Banconote di diverso valore

di Valeria Zeppilli – Nella notte tra il 22 e il 23 dicembre il Consiglio dei ministri ha espresso il suo sì definitivo al decreto banche e alla dotazione di 20 miliardi di euro, alla quale attingere per varare degli specifici interventi sul capitale e sulla liquidità.

Il via libera al decreto vuol dire anche via libera al paracadute per MPS, alla luce del previsto fallimento del tentativo di aumento di capitale sul mercato.

Della somma stanziata per il fondo e messa a disposizione del governo, a questa banca sarà destinata la quota necessaria e sufficiente per colmare i requisiti che sono stati identificati dagli stress test Bce. Come spiegato dal Ministro Padoan, il sostegno pubblico consentirà al Monte dei Paschi di Siena di proseguire il piano industriale da sottoporre all'approvazione delle autorità dell'Unione Europea.

Se per capire come effettivamente sarà gestita la partecipazione e se il futuro sarà quello di una progressiva dismissione occorrerà attendere qualche mese, dall'approvazione arriva però anche una conseguenza immediata per i risparmiatori, che hanno in mano circa 2 miliardi di obbligazioni subordinate: queste saranno convertite in azioni.

La salvaguardia del loro valore sarà comunque garantita mediante un meccanismo in forza del quale la banca scambierà le azioni con delle obbligazioni ordinarie di valore pari a quello delle subordinate. Le azioni oggetto di scambio saranno acquistate dal Tesoro.

Per i clienti retail la conversione sarà fatta per un valore pari al 100% del valore nominale.

Per quanto riguarda, invece, gli investitori istituzionali, la conversione riconoscerà loro una percentuale del valore nominale pari al 75%.


Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(23/12/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Biotestamento: è legge
» Addio animali nei circhi: entro un anno le norme
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Pignoramento del Tfr: cos'è e limiti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF