Sei in: Home » Articoli

Equitalia: esecuzioni bloccate solo per chi aderisce alla rottamazione

Il decreto non prevede un'astensione generalizzata alle azioni esecutive ma solo per i carichi oggetto di definizione
uomo con acqua alla gola per i debiti

di Valeria Zeppilli – Nel rispondere ad alcuni quesiti che il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili aveva preventivamente raccolto in materia di rottamazione delle cartelle esattoriali, Equitalia ha nei giorni scorsi fatto chiarezza su quali sono i carichi sui quali opera il beneficio della sospensione introdotto dal recente decreto fiscale (sul quale leggi più in generale: "Il decreto fiscale è legge: sì del Senato").

In particolare, nel corso del seminario "La rottamazione dei ruoli" tenutosi a Roma il 16 dicembre scorso, si è chiarito che la predetta sospensione riguarda esclusivamente i carichi ricompresi in dichiarazioni di adesione alla definizione. Come a dire: le esecuzioni si bloccano solo se e nella parte in cui i relativi debiti siano oggetto di rottamazione.

Gli agenti della riscossione non sono invece tenuti ad astenersi dal porre in essere nuove azioni conservative ed esecutive se i carichi non sono stati oggetto di domanda di definizione agevolata.

In altre parole, non è corretto parlare di sospensione generalizzata sino al 31 marzo 2017.

Nella medesima occasione, è emerso anche un dato davvero interessante: addirittura il 53% dei contribuenti che devono soldi al fisco ha sulle spalle un debito inferiore a mille euro, mentre solo l'1,8% ha un'esposizione superiore a 250mila euro. Peccato, però, che il carico che deriva da tali soggetti è addirittura del 75,76% dell'intero carico da riscuotere.

Il confronto che si è svolto in Capitale, tuttavia, ha mancato un obiettivo che avrebbe potuto renderlo un'occasione ancora più importante: quello di chiarire quale sia la corretta interpretazione da fornire agli effetti relativi alla rinuncia agli eventuali contenziosi che riguardano i ruoli oggetto di definizione agevolata.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/12/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» L'accollo
» Gratuito patrocinio: il tribunale non può pagare gli avvocati
» Tari: come chiedere il rimborso dal 2014
» Separazioni e divorzi davanti al sindaco
» Rapporto di lavoro: le dimissioni
In evidenza oggi
Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figliRischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
Avvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianzeAvvocati: sanzionato chi cerca incarichi col pretesto delle condoglianze

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF