Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Tabelle millesimali: si tiene conto degli abusi edilizi?

Dato che i condomini non hanno il diritto di rimuoverle, esse vanno computate nella partecipazione alle spese
casa condominio

Domanda: "Si tiene conto degli abusi edilizi per il calcolo delle tabelle millesimali?"

Risposta: "A primo acchito si potrebbe affermare Ŕ illecito utilizzare in qualsiasi maniera delle opere abusive, ovunque esse si trovino, con conseguente impossibilitÓ per il condominio di pretendere che un soggetto partecipi in misura maggiore alle spese in ragione dell'utilizzazione delle predette opere.

In realtÓ la questione dell'abusivitÓ di un'opera viaggia su di un piano completamente diverso rispetto a quello strettamente connesso alle tabelle millesimali.

E su tale distinzione si Ŕ insinuato un orientamento dottrinale e giurisprudenziale rilevante: quello che nega al proprietario danneggiato da un'opera abusiva la possibilitÓ di presentare un'azione volta al ripristino della situazione conforme al diritto, se non in caso di violazione della disciplina sulle distanze.

Il vicino, semmai, ha solo diritto al risarcimento del danno eventualmente subito (oltre che la possibilitÓ/ il dovere di denuncia alle autoritÓ).

Ci˛ comporta che, dato che i condomini non hanno il diritto di rimuovere le opere abusive, sarebbe illogico privarli del potere di considerarle opere lecite ai fini della ripartizione delle spese condominiali.

In conclusione, quindi, tali opere vanno computate all'interno delle tabelle millesimali, salvo ovviamente rivedere queste ultime nel caso in cui le prime siano per qualsiasi ragione eliminate".

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(21/12/2016 - Domande e Risposte)
Le pi¨ lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF