Sei in: Home » Articoli

Porto illegale di coltello e prescrizione: una sentenza curiosa

Nota di commento alla sentenza della Cassazione n. 13894/2015
killer con un coltello

Avv. Francesco Pandolfi – Potrà sembrare strano ma alcune volte anche i magistrati più avveduti incappano in errori e dimenticanze che finiscono da una parte per modificare il contenuto di una sentenza, dall'altra inducono ad impugnare la pronuncia per la correzione dell'errore stesso.

E' quello che è successo nel caso in commento, dove risulta l'omessa eliminazione della pena dal dispositivo della sentenza.

Vediamo in sintesi il dettaglio di questa curiosa pronuncia.

Il problema

La Corte d'Appello conferma la sentenza di primo grado emessa dal Tribunale, con la quale Tizio è ritenuto responsabile dei reati di violazione di domicilio, danneggiamento e porto ingiustificato di coltello.

Contro la sentenza propone ricorso per cassazione la locale Procura generale della Repubblica, denunciando violazione di legge circa la mancata declaratoria di prescrizione del reato di porto illegale di coltello.

Si perché essa non risulta inserita nel dispositivo della sentenza medesima nonostante che, nella motivazione, si fosse dato atto dell'intervenuta maturazione del termine prescrizionale.

La risposta

La Corte giudica il ricorso meritevole di accoglimento.

Risulta in effetti che la Corte d'appello, pur avendo dato atto in motivazione dell'avvenuto decorso del termine prescrizionale relativamente al reato in questione, ha poi omesso, per evidente dimenticanza, di inserire nel dispositivo la corrispondente statuizione e di provvedere alla eliminazione della relativa pena.

In pratica

Il risvolto pratico della particolare situazione è che deve quindi darsi luogo ad annullamento senza rinvio della sentenza impugnata, limitatamente al reato di porto illegale di coltello (legge n. 110/1975, art. 4), perché estinto per prescrizione e con rinvio, per la conseguente rideterminazione della residua pena riferibile agli altri reati (non risultando dalla sentenza impugnata ne' da quella di primo grado quale aumento di pena fosse stato inflitto per il suddetto reato), ad altra sezione della Corte d'appello.

Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

utenza mobile 3286090590

mail: francesco.pandolfi66@gmail.com

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(27/12/2016 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe: il super autovelox vede anche chi usa il telefono
» Guida in stato di ebbrezza: la sospensione della patente non è automatica
» Lavori in casa senza permesso: in vigore l'elenco
» Cassazione: niente sanzioni a lavoratore assente per un giorno senza certificato
» L'avvocato non può accettare compensi esigui


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
L'avvocato non può accettare compensi esigui
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi