Sei in: Home » Articoli

Danno da riduzione del reddito del lavoratore: i criteri per dimostrarlo in causa

Nota di commento alla sentenza del Tribunale di Pordenone n. 176/2016
lavoratore che rincorre soldi mentre una mano li allontana
Avv. Francesco Pandolfi - Un evento lesivo, come un incidente stradale grave, può produrre numerose conseguenze a danno delle persone che ne rimangono coinvolte.

Possono prodursi effetti sulla salute, ma anche sul lavoro di queste persone: potrebbe infatti risentirne la loro capacità reddituale.

Nel caso si tratti di soggetti che svolgono un lavoro, dipendente o autonomo, si pone il problema di capire se questo evento sia stato idoneo a scatenare ripercussioni anche sulla vita lavorativa, riducendo il reddito prodotto (prima dell'evento lesivo) in occasione della specifica attività professionale.

Come si può arrivare a dimostrare, quindi, che un sinistro (tra i vari effetti prodotti a carico della salute) abbia anche avuto come conseguenza la contrazione del reddito?

Interessanti ed utili spunti li offre il Tribunale di Pordenone con la sentenza n. 176/2016 in commento.

Il magistrato richiama il ben noto principio dell'onere della prova posto a carico del danneggiato che reclama il risarcimento di tutti i danni subiti.

Danno da contrazione del reddito

Vediamo in concreto i criteri suggeriti dal Giudice per arrivare a questa prova:
1) nel caso in cui l'attore sostenga di essersi assentato dal lavoro per un certo periodo di tempo e a causa del sinistro (quantificando la relativa domanda per la specifica posta di danno), dovrà in primo luogo provare il tipo di lavoro svolto (se dipendente o autonomo);

2) nel caso l'attore sia un lavoratore dipendente, dovrà depositare le buste paga di alcuni mesi anteriori al sinistro e successivi all'incidente, in modo da permettere l'accertamento sulla riduzione del reddito;

3) se l'attore è un lavoratore autonomo, dovrà produrre le fatture emesse, le dichiarazioni fiscali e ogni altro documento contabile per valutare la reale contrazione del reddito.


Danno da riduzione della capacità di guadagno


Anche questo tipo di danno richiede una prova rigorosa; parliamo dell'incapacità lavorativa specifica permanente:

4) affinché possa essere risarcito il danno da riduzione della capacità di guadagno è necessario che il danneggiato dimostri che dopo l'evento ha cessato l'attività lavorativa svolta prima, oppure che ha subito una riduzione dei redditi prodotti in precedenza o percepiti;

5) inoltre è necessario provare che tanto l'assenza dal lavoro quanto la contrazione del reddito sono in rapporto causa-effetto rispetto alla lesione della salute.

Come comportarsi in casi simili


In causa è consigliabile organizzarsi per dimostrare di aver subito la contrazione del reddito per effetto del sinistro, in quanto la modificazione in peggio del reddito non è conseguenza automatica dell'evento lesivo.



Altre informazioni su questo argomento?

Contatta l'avv. Francesco Pandolfi

utenza mobile: 3286090590

mail: francesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(04/11/2016 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente cointestato: può essere donazione indiretta
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani
» Avvocati: ecco le nuove tariffe
» Quanti sono i tentativi di vendita nelle aste di beni immobili?
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF