Sei in: Home » Articoli

Obesità: arriva la tassa per i cibi spazzatura

Il Senato ha approvato 5 mozioni per il contrasto all'obesità e chiederà al Governo di agire per combattere il fenomeno
Uomo obeso con panino e birra in mano

di Valeria Zeppilli – In questi giorni, la lotta all'obesità è arrivata a un punto di svolta: Palazzo Madama ha approvato, infatti, 5 importanti mozioni con l'intento di combattere il fenomeno.

La tassa sui cibi spazzatura

Nel dettaglio, la prima mozione approvata (la numero 515) prevede una serie di impegni per il Governo: quello di promuovere un piano nazionale per la prevenzione e la cura dell'obesità, quello di finanziare progetti dedicati all'interno delle scuole e il più ricco di risvolti, ovverosia quello di introdurre un'imposta specifica sui cibi spazzatura.

Obesità come malattia cronica

La seconda mozione (la numero 601), invece, ha lo scopo di impegnare il Governo a introdurre una definizione di obesità che la inquadri come malattia cronica e invalidante. Ma non solo: l'intento è pure quello di implementare il patto nazionale della prevenzione 2014/2018 ponendo sotto la lente d'ingrandimento anche tale fenomeno. C'è infine l'impegno ad allargare la rete assistenziale adottata per la lotta al diabete.

Percorsi sanitari mirati

Con la mozione 640 si promuove la realizzazione di percorsi sanitari mirati per pazienti obesi, oltre che lo sviluppo di programmi di prevenzione all'interno delle scuole.

Educazione fisica

La scuola è anche al centro della quarta mozione, che vuole aumentare le ore di educazione fisica e la qualità di tale insegnamento. La mozione numero 642 parla inoltre di incentivi all'introduzione sul mercato di cibi sani da parte delle industrie alimentari oltre che, di nuovo, di imposte specifiche da applicare sugli alimenti poco sani.

Farmaci rimborsabili

La mozione numero 643, infine, spicca per l'impegno a inserire il farmaco a base di liraglutide tra quelli che il Servizio Sanitario Nazionale rimborsa, al quale si affianca l'impegno a istituire un gruppo di esperti che individuino le misure più adeguate per la prevenzione e la lotta all'obesità e al diabete.

Il problema

Il problema obesità, del resto, non è affatto da sottovalutare: addirittura essa riguarda un italiano su tre e la colpa è delle bibite gassate, dello junk food e dei numerosi cibi spazzatura che ingurgitiamo quotidianamente.

E la salute ne risente, se solo si considera che tale malattia ha un'incidenza notevole sui rischi di morte per infarto, di morte per ictus, di tumore al colon, di tumore endometriale e di tumore al seno

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/10/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF