Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: è reato rimandare la visita del paziente

Per la Cassazione l'arrivo di un paziente al Pronto Soccorso fa sorgere il diritto di essere visitato, per cui è integrata omissione d'atti d'ufficio per il medico che non adempie
medico

di Valeria Zeppilli – L'arrivo di un paziente al Pronto Soccorso fa sorgere in suo capo il diritto di essere sottoposto a visita medica.

Come chiarito dalla Corte di cassazione con sentenza numero 40753 del 29 settembre 2016 (qui sotto allegata), infatti, il codice triage assegnato al momento dell'accettazione non legittima mai il sanitario ad omettere di visitare un paziente la cui patologia sia stata valutata non grave dal personale paramedico al primo screening eseguito. Tale codice, piuttosto, limita la sua funzione a quella di definire un ordine delle visite, visite che comunque devono essere eseguite.

Nel caso con il quale la Corte si è dovuta confrontare, peraltro, a lamentare il dolore, acuto, era una donna non più giovane e a sollecitare il sanitario a visitarla era stato anche il personale infermieristico.

Il codice di ingresso, però, era quello verde e il medico, nonostante non avesse altre urgenze, non ha voluto sentire ragioni: l'esame radiologico necessario deve essere posticipato, dato che al momento dell'arrivo del paziente era notte.

Per la Cassazione, tuttavia, tale comportamento non può reputarsi un legittimo esercizio della discrezionalità del sanitario: questi, in ogni caso, avrebbe dovuto verificare la gravità della situazione lamentata dal paziente e, comunque, formulare una diagnosi precisa. È una priorità, infatti, quella di scongiurare delle patologie intense e tali da richiedere un intervento tempestivo e irrimandabile.

Il reato di rifiuto di atti di ufficio, in conclusione, resta: il ricorso del medico va rigettato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 40753/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(11/10/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Processo civile: nullo il giudizio se l'atto introduttivo è notificato in maniera incompleta
» Diritto all'immagine: scatta il risarcimento per la foto pubblicata senza consenso
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» Eredità: la ripartizione dei debiti tra gli eredi
» CTU: la consulenza tecnica d'ufficio nel processo civile


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss