Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocati: vincere lo stress con la mixed martial art

All'estero questo miscuglio di boxe e arti marziali è divenuto la scelta di molti professionisti per combattere l'ansia e la tensione quotidiane
guantoni boxe appesi evoca la rinuncia a difendersi

di Valeria Zeppilli – Settembre: tempo di riaprire lo studio. E, per i fortunati che sono riusciti a rimuoverlo dalla testa, di ricordare quanto la professione forense sia stressante!

Le scadenze tartassano quotidianamente, le urgenze da gestire non danno mai tregua, le file in Tribunale sono ogni giorno più lunghe e i rapporti con i clienti non sempre riescono ad essere gestiti facilmente.

Qualche tecnica per combattere lo stress, però, c'è.

Oltre alla pratica della mindfulness (sulla quale leggi: "Avvocati: ansia e stress? Provate con la mindfulness"), all'estero sembra essere molto in voga la mixed martial art.

In particolare a Ginevra, questa disciplina sta ricevendo un grande riscontro tra avvocati, banchieri e altri professionisti, che rappresentano oltre la metà di coloro che la praticano.

Si tratta, in sostanza, di un miscuglio di boxe e arti marziali, praticato all'interno di una gabbia, che viene scelto non tanto per mantenere la forma fisica (aspetto comunque non secondario) quanto soprattutto per ritrovare l'equilibrio mentale sfogando tra le quattro pareti le tensioni della giornata lavorativa.

Chi la pratica, addirittura, sostiene che attraverso la mixed martial art si riesca anche ad imparare qualche segreto da sfruttare nella vita di tutti giorni all'interno delle pareti dell'ufficio, ovverosia come non stressarsi, come affrontare i rischi con serenità, come non voltare mai le spalle a nessuno e a nulla.

In Italia, in realtà, ancora non se ne sente molto parlare, ma si immagina che non sarà sempre così. Oltre al fatto che le esperienze straniere insegnano come questa pratica possa diffondersi rapidamente, della mixed martial art esiste già un'apposita federazione riconosciuta e autorizzata a disciplinare, gestire e rappresentare tale disciplina nel bel paese: la FIGGMA, Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts.

Insomma: forse anche qui, con il tempo, riuscirà a prendere la svolta che ha preso in Svizzera e ad aiutare gli avvocati a scaricare lo stress e ad affrontare il proprio mestiere con più serenità. Chissà...

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/09/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: non rileva l'ignoranza ai fini del reato
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole
» Riforma pensioni 2019
» Alimenti ritirati dal ministero della Salute: la lista aggiornata
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss