Sei in: Home » Articoli

L'Agenzia delle Entrate sbarca su Facebook: chat in tempo reale con gli utenti

Il servizio gratuito per ora offre risposte sul canone Rai ma si estenderÓ agli altri dubbi fiscali
Rappresentazione simbolica del socialnetwork

di Marina Crisafi - Il fisco sbarca su Facebook per chattare direttamente con gli utenti. Ad annunciare la nuova dimensione social Ŕ la stessa Agenzia delle Entrate (la pagina Ŕ raggiungibile a questo link) parlando di innovazione destinata a rivoluzionare il rapporto con i contribuenti che potranno dialogare con il fisco in modo pi¨ semplice e in tempo reale anche dal cellulare e dal tablet.

Il servizio al momento Ŕ incentrato sulle informazioni relative al canone Rai nella bolletta elettrica, ma a breve sarÓ esteso ai dubbi fiscali pi¨ comuni, diventando un vero e proprio nuovo canale, che si aggiunge a quelli esistenti, attraverso cui dialogare con i contribuenti.

Per fruire del servizio, gli utenti potranno aprire una conversazione privata, tramite l'applicazione Facebook Messenger, e formulare la propria domanda. La risposta sarÓ fornita entro le successive 24 ore, ovvero, nei casi in cui i quesiti sottoposti richiedano un approfondimento, entro 5 giorni dalla richiesta.

Da parte dell'agenzia non sarÓ richiesto alcun dato personale e la stessa si limiterÓ a rispondere ai dubbi formulati, indirizzando gli utenti verso la soluzione ai loro quesiti e aiutandoli ad adempiere correttamente agli obblighi fiscali.

In ogni caso, il trattamento dei dati personali su FB, risponderÓ alle policy in uso sulla piattaforma e i dati sensibili (postati nei commenti o nei post pubblici) saranno rimossi.

L'approdo su Facebook, conclude la nota, triplica la presenza delle Entrate sui social (dopo Youtube e Twitter), con il valore aggiunto di rappresentare non solo un canale teso a fornire informazioni sulle novitÓ fiscali ma che consente all'amministrazione e ai cittadini di interagire direttamente tramite pc, smartphone o tablet.

(18/07/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss