Per il Tar Sicilia, il gestore che non ha provveduto ad isolare la strada rumorosa deve rimborsare i costi sostenuti dal vicino per gli infissi
auto traffico autovelox

di Valeria Zeppilli - Con la sentenza numero 992/2016, la sezione distaccata di Catania del T.A.R. della Sicilia ha chiarito che la lunga esposizione all'inquinamento acustico non lede di per sé un diritto fondamentale idoneo a generare un danno biologico e di conseguenza non genera il diritto ad essere ristorati per le lesioni di natura non patrimoniale.

Allo stesso tempo, però, se vi è stata una condanna a ridurre il rumore, il "condannato" deve senza ritardo ottemperare la sentenza e ripagare i costi eventualmente sostenuti dalla "vittima" per potersi riparare dal rumore.

Nel caso di specie, le parti erano la società che gestisce una tangenziale e il proprietario di un appartamento prossimo alla rumorosa strada. In sede civile, la società era stata condannata a ridurre il rumore delle auto, ma non vi aveva provveduto.

Il T.A.R., quindi, le ha ordinato di provvedervi entro sei mesi: in caso contrario vedrà arrivare un commissario dell'Arpa - agenzia regionale di protezione ambientale.

In realtà, il problema resta ora esclusivamente per il periodo estivo, in quanto l'inquilino ha già investito quasi 11mila euro per isolarsi dal rumore, rifacendo gli infissi della propria abitazione, distante solo trenta metri dalla tangenziale.

Tale somma, peraltro, dovrà essere rimborsata dalla società che, almeno, si è "salvata" dal pagamento del danno biologico o esistenziale, così come di quello da deprezzamento dell'immobile, tutti non provati.

Vedi anche:
- Immissioni di rumore: tutela civile e penale
- Raccolta di articoli e sentenze in materia di immissione di rumori
Valeria Zeppilli
Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: