Sei in: Home » Articoli

Sondaggio: secondo i dati ufficiali una causa civile in Italia si conclude in meno di 2 anni. Sei d'accordo?

Di la tua rispondendo al sondaggio oppure lascia un messaggio
orologio e calendario simboli del tempo che scorre
Abbiamo dato notizia questa mattina di alcuni dati ufficiali sui tempi necessari per giungere alla definizione di una causa civile in italia (v. Giustizia civile: ben 532 giorni per chiudere una causa).
Sulla base di questi dati l'Italia si conferma "maglia nera" nell'ambito del contenzioso civile. 
Ma c'è un particolare che sicuramente a molti avvocati non sarà sfuggito: 532 giorni, calendario alla mano, sono meno di due anni. 
E allora dovremmo chiederci in quale tribunale d'italia le cause si definiscono in tempi così rapidi da abbassare significativamente la media nazionale?
Se parliamo del primo grado di giudizio una causa in tribunale difficilmente si conclude prima di 5 anni a meno che non siano le parti a mettersi d'accordo prima. 
Le statistiche dovrebbero poi indicare (per i non addetti ai lavori) anche cosa succede dopo il primo grado se per caso una delle parti fa appello. Anche qui le attese oscillano dai 3 ai 5 anni. 
E poi c'è la Cassazione (altre 2 o 3 anni di attesa) e l'eventuale giudizio di rinvio!
E' chiaro che le statistiche riportano valori medi ma questo significa che se la maggior parte delle cause durano 5 anni ce ne devono essere molte altre che durano solo qualche mese per portare la media sotto ai 2 anni e quindi in linea con i dati ufficiali. 
A questo punto quello che vorremmo chiedere agli avvocati di tutta italia: quante volte avete portato a termine un giudizio civile in meno di due anni? 

Rispondi al sondaggio oppure lascia un commento.

Il sondaggio è aperto. Vota anche tu:

(12/04/2016 - Sondaggi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Trasferimento del dipendente dalla sede lavorativa e rifiuto del lavoratore. Quando sono legittimi?
» Ticket sanitario: i disoccupati devono pagarlo?
» La rinuncia alla solidarietà ex art. 13 della legge professionale forense
» Assegni familiari 2018: i nuovi importi
» Divorzio: niente assegno all'ex che può mantenersi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss