Sei in: Home » Articoli

Spese straordinarie per i figli non obbligatorie: è necessario il consenso dell'ex

Scuolabus, corsi di inglese, ballo e teatro sono esborsi da concordare tra i genitori. Revocato il decreto ingiuntivo della madre
bus scuola id10133
di Lucia Izzo - Corsi di inglese, visite specialistiche e scuolabus privato rappresentano spese straordinarie e non obbligatorie, pertanto vanno concordate da entrambe i genitori dopo la separazione.

Lo ha disposto la prima sezione civile del Tribunale di Roma, sentenza n. 15092/2015, che ha ordinato la revoca del decreto ingiuntivo che era stato emesso su iniziativa dell'ex moglie verso il marito per il pagamento delle spese straordinarie sostenute per i figli minori, una cifra di oltre 4mila euro corrispondente al 50% della somma spesa.
Il partner ricorre al giudice capitolino per opporsi al provvedimento e al contestuale pagamento.

In sede di separazione, l'ordinanza presidenziale aveva stabilito a carico dell'uomo un mantenimento mensile per i figli pari a 700 euro e che il medesimo dovesse contribuire anche alle spese straordinarie non coperte dal servizio sanitario nazionale in misura pari al 50%.

Il giudice, tuttavia, chiarisce che spese straordinarie sono quelle che "per il carattere non prevedibile o per la particolare entità o la singolarità della ricorrenza presentano un carattere di rottura rispetto al soddisfacimento delle esigenze quotidiane della prole".

Mentre alcune di queste sono caratterizzate da una vera e propria obbligatorietà, altre necessitano del consenso di ambedue i genitori per essere rimborsate. 
Esempi di spese non obbligatorie possono essere quelle relative a rette per scuole private, ripetizioni, gite scolastiche, campi estivi, dopo-scuola e baby sitter, corsi di lingua o attività artistiche, corsi di informatica, spese odontoiatriche, oculistiche pubbliche o private convenzionate, esami diagnostici, analisi cliniche, visite specialistiche e altro.

Nella situazione di cui è causa la madre chiede all'ex di rimborsare una serie di spese mediche, già comprese nell'assegno di mantenimento, a cui si aggiungono visite specialistiche che potevano essere tranquillamente eseguite presso il SSN, spese per il pulmino privato, i corsi di inglese, di ballo e teatro.

Si tratta di esborsi che avrebbero necessitato il consenso del padre, il quale, invece, aveva manifestato il suo dissenso soprattutto per i corsi (inglese, ballo e teatro) che avrebbero diminuito il tempo che lui avrebbe potuto trascorrere con i figli.
Tutto questo, per il giudice, giustifica la revoca del decreto ingiuntivo.

(18/03/2016 - Lucia Izzo)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF