Sei in: Home » Articoli

Addio alla reversibilitÓ: il governo smentisce ma "carta canta"

L'appello dei sindacati per togliere ogni riferimento dal ddl povertÓ
anziana donna vedova con bastone

di Marina Crisafi - Ha scatenato, com'era prevedibile, un mondo di polemiche, l'allarme lanciato dal segretario generale dello Spi-Cgil, Ivan Pedretti, nei giorni scorsi, sulla revisione dei criteri per maturare il diritto alla pensione di reversibilitÓ contenuta nel c.d. ddl povertÓ (leggi: "Addio alla pensione di reversibilitÓ: il Governo fa cassa sulle vedove").

Il punto controverso Ŕ che nel ddl l'accesso a tale prestazione previdenziale, sarÓ legato all'Isee e quindi al reddito familiare, andando a ridurre inevitabilmente il numero delle persone che continueranno a veder garantito questo diritto.

Com'Ŕ noto, infatti, l'asticella dell'Isee Ŕ molto bassa (fissata spesso a redditi da fame) e per superarla basta poco, facendo saltare tutti i benefici.

Ma non solo. Cosý come indicato nella lettera b) del punto uno del disegno di legge delega (qui sotto allegato), tutte le prestazioni di natura assistenziale e previdenziale saranno razionalizzate, riparametrate sulla base dell'Isee e sottoposte alla prova dei mezzi, fatta eccezione per le prestazioni legate alla condizione di disabilitÓ e invaliditÓ del beneficiario.

A tal fine i principi e i criteri direttivi da seguire sono quelli del superamento delle differenze categoriali e dell'introduzione di principi di accesso fondati su criteri unificati di valutazione economica in base all'Indicatore della situazione economica equivalente.

Dopo il polverone sollevato, il Governo Ŕ intervenuto per smentire e ricondurre a mera polemica qualsiasi riferimento alla reversibilitÓ. Proprio stamane, pubblicamente, il premier ha dichiarato ai microfono di Rtl 102.5 che le misure sulla reversibilitÓ delle pensioni sono "la classica notizia che si autoalimenta". Da smentire totalmente. "Ho giÓ scritto a tutti quelli che mi stanno scrivendo chiedendomi: 'ragazzi, tranquilli non c'Ŕ" ha proseguito il premier.

Ma tali parole non bastano, soprattutto ai sindacati che continuano a rimanere sul piede di guerra.

Verba volant scripta manent dicevano i latini. E dai vari sindacati di categoria arrivano inviti improrogabili a togliere ogni riferimento dal ddl.

"Prendiamo nota della smentita del presidente del Consiglio sulle reversibilitÓ. Ma carta canta e nel testo del disegno di legge delega si fa un esplicito riferimento a questo tipo di pensioni. Basterebbe toglierlo e si parlerebbe d'altro" ha affermato infatti lo stesso Ivan Pedretti, replicando a quanto dichiarato stamattina da Renzi.

Sulla stessa lunghezza d'onda, il segretario generale della Uil Pensionati, Romano Bellissima. "Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi afferma che non Ŕ previsto nessun intervento sulle pensioni di reversibilitÓ. Bene. Ma nel testo del disegno di legge delega per il contrasto alla povertÓ, ora alla Camera dei Deputati, ci sono espliciti riferimenti a prestazioni di natura previdenziale e alle pensioni di reversibilitÓ, di cui si individuano sia i beneficiari sia la spesa". "Non Ŕ vero ľ chiosa dunque Bellissima ľ che il nostro allarme e quello di tanti cittadini Ŕ infondato. Se il presidente del Consiglio Renzi vuole veramente tranquillizzare i cittadini, si deve fare una cosa sola: eliminare tutti i riferimenti alle prestazioni previdenziali e alle pensioni di reversibilitÓ dal disegno di legge".

Bisogna tenere presente, ricordano inoltre in una nota congiunta il segretario confederale dell'Ugl, Ornella Petillo e il segretario nazionale dell'Ugl Pensionati, Corrado Mannucci, che le pensioni di reversibilitÓ, indispensabili per le famiglie "non sono assistenza ma fonti di reddito derivanti dai contributi versati dalle lavoratrici e dai lavoratori''.

Il testo del ddl povertÓ
(23/02/2016 - Marina Crisafi)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF