Sei in: Home » Articoli

Separazione: se ci sono figli non basta l'intollerabilitÓ della convivenza con il coniuge per evitare l'addebito

In presenza di figli, chi abbandona la casa coniugale deve provare anche l'impossibilitÓ di coabitare con loro
divorzio separazione coppia litigano
di Lucia Izzo - Va addebitata al marito la separazione se l'uomo abbandona la casa coniugale per intraprendere una nuova relazione: non basta che tra lui e l'ex fosse giÓ in atto una crisi matrimoniale poichÚ Ŕ necessario provare i motivi per cui la convivenza era divenuta intollerabile e, in presenza di figli, tale intollerabilitÓ va dimostrata anche nei loro confronti.

Lo ha disposto il Tribunale di Roma, prima sezione civile, nella sentenza 18815/15, pronunciandosi sulla separazione personale tra due coniugi.
Per il giudice lo scioglimento del rapporto va addebitato al marito il quale non solo allontanatosi dal tetto coniugale, ma che ha anche intrattenuto una nuova relazione in costanza di matrimonio, scoperta da uno dei suoi tre figli che ha rinvenuto sul cellulare del padre i messaggi scambiati con l'amante.

A nulla valgono le giustificazioni dell'uomo che, nel corso dell'udienza, ha chiarito che la storia amorosa era iniziata dopo la fine del rapporto con la moglie avvenuta nel 2003 quando si era giÓ allontanato di casa una prima volta a causa dei tumultuosi rapporti con la donna, ma vi era ritornato per amore dei figli. Ritorno a cui non Ŕ seguita una conciliazione, determinando dunque un definitivo allontanamento nel 2011.

Per il Tribunale "l'abbandono della casa familiare, ove attuato dal coniuge senza il consenso dell'altro coniuge e confermato dal rifiuto di tornarvi, di per sÚ costituisce violazione di un obbligo matrimoniale e, conseguentemente, causa di addebito della separazione lÓ dove provoca l'impossibilitÓ della convivenza".

Non vi sarebbe alcuna violazione, invece, laddove l'allentamento "sia stato cagionato dal comportamento dell'altro coniuge,ovvero quando risulti intervenuto nel momento in cui l'intollerabilitÓ della prosecuzione della convivenza si sia giÓ verificata, ed in conseguenza di tale fatto, cosý da non spiegare rilievo causale ai fini ella crisi matrimoniale".
Nel caso di specie l'abbandono della casa Ŕ intervenuto su precisa iniziativa del marito, ferendo sia la moglia che i figli venuti a conoscenza della nuova relazione del padre.
(13/02/2016 - Lucia Izzo)
Le pi¨ lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF