Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Multe e notifiche solo via mail

La proposta del Comune di Milano, per risparmiare sulle spese postali
Vigile in atto a elevare una contravvenzione
di Valeria Zeppilli - Trentotto milioni solo di spese postali sono troppi, specie considerando che le previsioni si aggiravano sui ventitré milioni. Questo è il bilancio recentemente effettuato dal Comune di Milano. La soluzione? Far arrivare le multe esclusivamente via p.e.c. 

Ovviamente solo per i veicoli intestati a persone giuridiche, per i quali la posta elettronica certificata è obbligatoria e il suo valore legale riconosciuto. 

Se il sistema suggerito dai tecnici di Palazzo Marino dovesse prendere piede nel capoluogo lombardo, è presumibile che lo stesso non esiterà a diffondersi anche nel resto della penisola.

Il risparmio di spesa, infatti, è tutt'altro che irrilevante. Senza parlare dei benefici, in termini ambientali, che deriverebbero dalla dematerializzazione delle multe e dal conseguente mancato utilizzo di milioni e milioni di fogli di carta.

È chiaro, però, che qualche criticità c'è, in quanto molti soggetti che sono obbligati ad essere dotati di posta elettronica certificata, in realtà, non hanno ancora l'abitudine di utilizzarla. Con la conseguenza che non è così improbabile il rischio di non accorgersi di qualche multa.

Di conseguenza, sarebbe necessaria una forte opera di diffusione della novità, che aggiri il rischio di spiacevoli inconvenienti.

Staremo a vedere...

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/02/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss