Sei in: Home » Articoli

Cassazione: se il proprietario non paga l'avviamento l'inquilino può rifiutarsi di lasciare l'immobile

Ciò in ragione del principio di solidarietà e alla luce della volontà del legislatore di privilegiare il credito di impresa
casa in mano con chiavi

di Valeria Zeppilli – La Corte di Cassazione, con la sentenza numero 890/2016 depositata il 20 gennaio (qui sotto allegata), ha reso un'interessantissima interpretazione in materia di avviamento commerciale.

Attraverso una lunga e articolata argomentazione, infatti, i giudici di legittimità hanno innanzitutto precisato che la prestazione del locatore di pagare l'indennità di avviamento commerciale e la prestazione del conduttore di restituire l'immobile nel quale si è svolta l'attività imprenditoriale sono interdipendenti sia sul piano funzionale che su quello strutturale.

Hanno però anche ricordato che la posizione creditoria del conduttore non può trovare un adeguato e pieno soddisfacimento nell'esercizio dell'eccezione di cui all'articolo 1460 del codice civile. Questa, infatti, è idonea a legittimare solo il rifiuto di adempiere alla propria prestazione.

La rilevanza del nesso di interdipendenza tra le prestazioni, invece, unitamente alla loro necessaria strumentalità, rendono ragionevole che tra debitore e creditore si instauri una cooperazione tale da permettere al conduttore di offrire la riconsegna dell'immobile a condizione che gli sia pagata l'indennità di avviamento.

Ciò in ragione del principio di solidarietà, che deve informare di sé la buona fede e la correttezza nell'attuazione del rapporto obbligatorio, e alla luce della volontà del legislatore di privilegiare il credito di impresa.

Nel caso di specie, dunque, non c'è stato nulla da fare per l'insoddisfatto locatore: i tentativi di far valere almeno in sede di legittimità le sue ragioni dinanzi al diniego del conduttore sono andati in fumo.

Cassazione, sentenza n. 890/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(23/01/2016 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Risarcimento danno parentale: Cassazione, spetta anche al nipote non convivente
» Biotestamento: è legge
» Spese straordinarie per i figli: il vademecum
» Il disconoscimento di paternità - guida con fac-simile
» Gli accordi di separazione consensuale


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF