Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittima la condanna per violenza su minore basata solo sulla testimonianza de relato

Se l'imputato non si è avvalso dell'incidente probatorio e non ha inserito il minore nella lista dei testimoni, il processo non può considerarsi iniquo
Bambino triste
di Valeria Zeppilli – La violenza sessuale su minori è di certo uno dei reati più odiosi tra quelli che il nostro ordinamento sanziona. Avverso di essa, quindi, gli strumenti di tutela e di condanna devono essere particolarmente rigidi.

Una testimonianza di tale assunto è stata recentemente offerta dalla terza sezione penale della Corte di cassazione, la quale, con la sentenza numero 1620/2016 depositata il 28 gennaio (qui sotto allegata), ha sancito che la condanna per un simile reato può legittimamente scattare anche solo sulla base della testimonianza de relato, nel caso in cui l'imputato non si sia avvalso dell'incidente probatorio e non abbia inserito il minore nella lista dei testimoni.

Nel caso di specie, ad inchiodare l'imputato era stata la nonna della minore abusata, dalla quale la piccola si era recata di corsa subito dopo l'accaduto.

I giudici, nel confermare la condanna basata solo sulla testimonianza dell'anziana signora e di una sua amica, hanno infatti ricordato che il processo non può considerarsi iniquo esclusivamente per il fatto di fondarsi solo su testimonianze de relato. Lo diventa, semmai, se l'imputato non è stato posto in condizione di esercitare il diritto all'esame del testimone diretto.

Ma nel caso di specie, l'esame della vittima dell'abuso non era stato sollecitato dall'imputato, con la conseguenza che la sua omissione non è risultata idonea a compromettere l'equilibrio delle parti né, in altro modo, l'equità del processo.

Corte di cassazione testo sentenza numero 1620/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/01/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
In evidenza oggi
Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderireAssicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF