Sei in: Home » Articoli

Mozziconi e fazzoletti per terra: attenti! Da gennaio arrivano le maximulte

Ecco quanto si pagherà in base alle norme del collegato ambientale approvato ieri alla Camera
Mozzicone sigaretta spento per terra

di Marina Crisafi – Per chi ancora oggi, deciso a non abbracciare le più elementari norme di civiltà, fosse poco avvezzo a posaceneri e cestini, meglio che impari alla svelta. Da gennaio infatti chiunque verrà beccato a gettare in strada rifiuti di "piccola taglia" sarà severamente sanzionato, dovendo mettere mano al portafogli per pagare multe abbastanza salate.

Secondo quanto prevede il collegato ambientale approvato in via definitiva dalla Camera dei deputati, chi abbandona scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare per strada, sarà soggetto ad una multa fino a 150 euro. Mentre chi trasgredisce il divieto di abbandonare mozziconi di sigaretta sul suolo, nelle acque e negli scarichi (nonché sulle spiagge), dovrà rassegnarsi a pagare una multa variabile dai 30 ai 300 euro.

Tra le altre norme che hanno avuto il via libera martedì scorso da Montecitorio con 269 sì 32 no e 11 astenuti, tutte di matrice ecologista, rilevano anche altri interventi destinati al contenimento dell'uso eccessivo delle risorse naturali (come il riciclo e il recupero di materie da rifiuto o scarto industriale, incentivi per le pratiche di compostaggio, il ripristino del "vuote a rendere" volontario, ecc.) e misure finalizzate a promuovere la c.d. green economy, tra cui i numerosi progetti di mobilità sostenibile (piedibus, car-pooling, bikesharing, ecc.), oltre al divieto assoluto di pignorare gli animali d'affezione o compagnia.

(24/12/2015 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi