Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nullo il contratto di mutuo stipulato per acquistare prodotti finanziari a rischio

Nella fattispecie la banca aveva fatto leva sulle preoccupazioni previdenziali dei clienti per indurli a concludere operazioni complesse di rischio
Illustrazione con dei soldi visti attraverso una lente
di Valeria Zeppilli – Il mutuo che un cliente contrae con una banca al fine di acquistare prodotti previdenziali di dubbia redditività presso lo stesso istituto deve considerarsi invalido.

E' quanto stabilito dalla Corte di cassazione con l'ordinanza n. 19559/2015, depositata il 1° ottobre scorso (qui sotto allegata).

Più precisamente, nella pronuncia in esame, i giudici hanno ritenuto che non può considerarsi meritevole di tutela da parte dell'ordinamento, per contrasto con i principi di cui agli articoli 47 e 38 della Costituzione, l'interesse perseguito dall'istituto di credito sfruttando le preoccupazioni previdenziali di un cliente e inducendolo a concludere operazioni negoziali complesse di rischio e di unilaterale riattribuzione del rischio di impresa della banca.

Non è quindi possibile stipulare un valido contratto atipico ai sensi dell'articolo 1322 c.c..

Nel caso di specie, oltretutto, era pattuita la facoltà, discrezionale, della banca preponente di stabilire quale sarebbe stata la natura e l'entità degli investimenti a composizione dei fondi, potendovi includere anche prodotti finanziari e titoli con redditività bassa e in probabile contrasto con la propensione al rischio del cliente.

Inoltre il finanziamento concesso contestualmente era connotato da una forte rigidità.

Di conseguenza, il contratto atipico concluso tra banca e cliente non può ritenersi efficace ai sensi delle previsioni del nostro ordinamento.

Va quindi respinto il ricorso presentato dall'istituto di credito e deve essere confermata la decisione dei giudici del merito di invalidare il contratto di piano finanziario stipulato tra banca e cliente.

Corte di cassazione testo ordinanza n. 19559/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF