Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non commette furto chi ruba al convivente. Vale la stessa regola che c'è tra i familiari

Alle coppie di fatto va applicata la medesima ipotesi di non punibilità che l'ordinamento penale prevede se il reato è commesso in danno del coniuge
ladro furto

di Valeria Zeppilli - In caso di furto, alle coppie di fatto va applicata la medesima ipotesi di non punibilità che l'ordinamento penale prevede all'articolo 649 c.p. se tale reato è commesso in danno del coniuge. 

Con un'ovvia precisazione però: la non punibilità cessa di operare nel momento in cui cessa la convivenza

Questo almeno è quanto stabilito dalla sentenza numero 39480/2015 della Corte di Cassazione, depositata il 30 settembre dalla quinta sezione penale (qui sotto allegata). 

I giudici, infatti, si sono integralmente riportati alla precedente pronuncia numero 32190/2009, la quale aveva enunciato il principio di diritto per cui "non è punibile il furto commesso in danno del convivente 'more uxorio' ma è punibile, a querela dell'offeso, il furto in danno di persona già convivente 'more uxorio'". 

Così, nel caso di specie la Corte ha annullato, limitatamente ai reati di furto e danneggiamento, la sentenza con la quale la Corte di Appello di Ancona aveva condannato il ricorrente, il quale, però, era anche (e rimane) responsabile dei reati di lesione e tentativo di danneggiamento, per i quali la predetta causa di non punibilità non opera. 

Si precisa che, in via generale, il primo comma dell'articolo 649 c.p. considera non punibili per i reati contro il patrimonio chi li abbia compiuti in danno del coniuge non legalmente separato, di un ascendente o discendente o di un affine in linea retta, dell'adottante o dell'adottato o di un fratello o di una sorella che con lui convivano. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 39480/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(01/10/2015 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Danno biologico: le nuove tabelle di Roma sempre più lontane da quelle di Milano
» Un albero per ogni nato: sanzioni in arrivo per i comuni che non adempiono
» L'estradizione
» Addio definitivamente all'assegno di divorzio con la nuova convivenza
» Tasse di successione
Newsletter f g+ t in Rss