Sei in: Home » Articoli

Cassazione e mantenimento dei figli: le spese straordinarie non possono essere quantificate in via preventiva

obbligo mantenimento figli assegno spese ordinarie straordinarie liquidazione
divorzio figli separazione
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione prima, sentenza n. 11894 del 9 Giugno 2015. In materia di separazione e divorzio, è illegittimo prevedere una liquidazione forfettaria e onnicomprensiva delle spese a favore dei figli, ivi comprese quelle straordinarie, dato il carattere di imprevedibilità di queste ultime. E' quanto ha statuito la Corte di Cassazione nella sentenza in oggetto, accogliendo il ricorso proposto e ritenendo illegittimo il potere esercitato dal giudice del merito.


Dopo aver ricordato che “il dovere di mantenere, istruire ed educare la prole, stabilito dall'art. 147 cod. civ. e confermato, da ultimo, dall'art. 337ter, quarto comma, cod. civ. (…) obbliga ciascun coniuge a far fronte alle molteplici esigenze dei figli, di tipo personale e sociale, in misura proporzionale al proprio reddito e a quello dell'altro genitore, considerando il tenore di vita goduto dal figlio in costanza di convivenza con entrambi i genitori e i tempi di permanenza presso ciascuno di essi”, la Suprema corte passa a definire il concetto di spesa straordinaria. Per definizione si tratta di quelle spese che “per la loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità, esulano dall'ordinario regime di vita dei figli, cosicchè la loro inclusione in via forfettaria nell'ammontare dell'assegno, posto a carico di uno dei genitori, può rivelarsi in contrasto con il principio di proporzionalità”. Non è possibile quindi definire le stesse in via forfettaria proprio perchè, oltre che ledere il principio sopra citato, si rischierebbe di comprimere indebitamente l'interesse dei minori, rischiando di non poter far fronte, con le somme liquidate in via preventiva, ad eventuali oneri non ricompresi. In questo modo si introdurrebbe “una sorta di alea incompatibile con i principi che regolano la materia”. La sentenza è cassata con rinvio.

Vai al testo della sentenza 11894/2015
(22/06/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF