Sei in: Home » Articoli

Esame avvocato: il CNF chiede tempi certi e "boccia" le domande a sorteggio

Inviati al ministero della Giustizia i pareri sugli schemi di regolamento attuativi della riforma forense su tirocini ed esami di abilitazione
praticanti, Italia, Riforma Forense, Francia, Romania, Spagna, studi legali, esame avvocato, mancata retribuzione, sfruttamento

di Marina Crisafi – Tempi certi per gli esami e tirocini effettivi e controllati negli studi e nelle modalità alternative. Sono queste le proposte di miglioramento messe nero su bianco dal Consiglio Nazionale Forense nei pareri inviati in questi giorni al ministero della Giustizia sugli schemi di regolamento relativi al tirocinio per l'accesso alla professione e all'esame di abilitazione.

Secondo il Cnf, le due bozze di regolamento predisposte da via Arenula in attuazione della riforma forense, hanno discreti margini di miglioramento.

Di concerto con ordini, Oua e Associazioni Forensi, per quanto concerne il testo relativo allo svolgimento del tirocinio, il Cnf chiede una disciplina più dettagliata delle modalità alternative alla frequenza negli studi legali che, in ogni caso, deve essere assicurata per almeno 6 mesi.

Serve, inoltre, si legge nel parere del Cnf “un quadro chiaro di riferimento per le future convenzioni con le Università” e sugli adempimenti per i tirocini svolti in Europa, nonché una specifica della documentazione necessaria da produrre, all'esito dello svolgimento del tirocinio, in maniera da rendere uniforme il controllo dei Consiglio dell'Ordine per il rilascio del relativo certificato di compiuta pratica.

Quanto agli esami, invece, innanzitutto, propone il Cnf, occorrono tempi precisi tra le varie fasi delle prove, in modo da dare ai candidati la possibilità di prepararsi e organizzarsi al meglio nell'intero percorso. 

Inoltre, fermo restando che l'intera disciplina è ritenuta “non puntuale” dal Consiglio, ad essere bocciato in toto è il sistema di sorteggio delle domande da un database, giacchè “non funzionale ad una prova di abilitazione - comportante la verifica, in sede di orale - delle capacità professionali”.

 

(05/06/2015 - Marina Crisafi)
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Guida legale sulla responsabilità disciplinare dei magistrati
» Assegno di mantenimento: detrae solo chi versa
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss