Sei in: Home » Articoli

Note caratteristiche: limiti alla valutazione negativa da parte del datore di lavoro

IllegittimitÓ di una scheda di valutazione discriminatoria nei confronti di una lavoratrice donna in una sentenza del Tribunale di Bari
giudice sentenza martello
Avv. Laura Lieggi -  legale@studioavvocatolieggi.com

"Le valutazioni concernenti le 'note di qualifica' con le quali il datore di lavoro esprime un giudizio sintetico sul rendimento e le capacitÓ professionali del lavoratore - che assumono fra l'altro, rilievo in quanto in rapporto di strumentalitÓ con atti di gestione del rapporto di lavoro, quali le promozioni, non sono insindacabili, restando il datore di lavoro soggetto ai limiti posti da eventuali criteri obiettivi previsti e, soprattutto, agli obblighi di correttezza e buona fede: con l'obbligo di motivare adeguatamente le note suddette al fine di consentire al giudice il sindacato in ordine all'eventuale sussistenza di intenti discriminatori o di ritorsione ovvero motivi illeciti o irragionevoli, quali quelli non inerenti al dipendente nella sua specifica qualitÓ di lavoratore". 

Partendo da questo presupposto il Giudice del Lavoro (Trib. Bari sentenza n. 515/2015) ha affrontato il caso di una dipendente della Polizia Municipale, che era stata valutata negativamente in conseguenza di una assenza per gravidanza. 

Ritenendo che "in assenza di ulteriori particolari motivi di demerito della ricorrente, correlabili ad eventuali inadempienze della stessa, non pu˛ che dichiararsi l'illegittimitÓ della scheda di valutazione impugnata, in quanto fortemente discriminatoria nei confronti della lavoratrice donna (nella parte in cui attribuisce valenza pregiudizievole alla ricorrente il legittimo godimento di un periodo di assenza dovuto a gravidanza) e manifestamente illogica (con riferimento alla riconducibilitÓ alla nota di demerito al mero dato quantitativo dell'estensione del periodo lavorativo prestato dalla dipendente nell'anno de quo)".

In definitiva, in tema di note di qualifica dei dipendenti, il datore di lavoro Ŕ soggetto ai limiti posti da eventuali criteri obiettivi previsti dal contratto collettivo e dagli obblighi di correttezza e buona fede.
 
Avv. Laura Lieggi - Via G. La Pira 3, 70126 - Bari
0805584348 - 3206117715
legale@studioavvocatolieggi.com
(23/05/2015 - A.V.)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF