Sei in: Home » Articoli

Cgil: aumento offerta posti di lavoro rilevata dall'Istat fisiologica

cgil id9466.png
Il segretario confederale della CGIL, Fulvio Fammoni, commentando i dati rilevati dall'Istat in relazione all'aumento di posti di lavoro nelle imprese con almeno dieci dipendenti ha dichiarato che "L'offerta di posti di lavoro vacanti pari ad una cifra del tutto fisiologica e che comunque molto meno, pari a circa la met, di quanto non fosse all'inizio del 2008, cio quando la crisi non era ancora iniziata". I dati secondo Fammoni vanno letti attentamente. Cosa significa, si chiede Fammoni, che i posti vacanti nelle imprese con almeno dieci dipendenti sono circa lo 0,6% come rilevato dall'Istat? "Stimando in poco meno di 8 milioni i dipendenti di queste imprese si scopre che sono circa 45mila i posti vacanti o in procinto di diventarlo come dice l'istituto statistico". Una cifra "del tutto fisiologica e che molto meno, pari a circa la met, dell'inizio del 2008 quando la crisi non era iniziata.
Il 10% in meno circa del secondo trimestre di quest'anno". In sostanza, conclude Fammoni, anche occupando tutti questi posti vacanti "non cambierebbe certo n il dato n il giudizio sul dramma occupazionale in atto".
(24/12/2010 - N.R.)
Le pi lette:
» Pensioni: allo studio lo sconto di tre anni per l'uscita anticipata delle donne
» Per amici e parenti l'avvocato pu anche lavorare gratis
» Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se pu trovarsi un lavoro
» Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
» Autovelox e tutor: al via le nuove regole
In evidenza oggi
Avvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticantiAvvocati: fino a 500 euro al mese di contributi per pagare i praticanti
Giudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso  tardivo, la memoria ora  ammissibileGiudizio di cassazione e adunanza camerale: se il controricorso tardivo, la memoria ora ammissibile
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF