Sei in: Home » Articoli

Istat: dopo gli studi pił di due milioni di giovani non hanno esperienze di lavoro significative

Secondo quanto emerge da uno studio dell'Istat con riferimento al secondo trimestre 2009, oltre due milioni di giovani, ultimati gli studi, non hanno avuto esperienze lavorative di durata superiore a tre mesi. Di questo gruppo pił della metą sono donne. Secondo l'Istat la probabilita' di trovare un lavoro, e sopratuttto di trovare un lavoro stabile, crescono parallelamente al livello di formazione che si riesce a conseguire. Appare quindi pił debole la posizione di chi ha un livello di istruzione pił basso: il 64% dichiara di aver avuto un'esperienza di lavoro significativa mentre la percentuale sale al 77% per diplomati e laureati. Dai dati Istat emerge anche che il 73% dei giovani di etą compresa tra i 15 e i 34 anni usciti dal sistema educativo formale, ha avuto almeno un'esperienza di lavoro significativa e la percentuale aumenta al crescere dell'eta': dal 29,7% della classe 15-19 anni al 60,1% di quella 20-24 anni, fino al 75,1% per i giovani tra i 25 e i 29 anni e all'81,2% nella classe 30-34 anni.
(17/10/2010 - N.R.)
Le pił lette:
» Il contratto di locazione - contenuto e forma. Con fac-simile
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
» Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
» Fumare in spiaggia: multe fino a 300 euro per chi butta i mozziconi
In evidenza oggi
Vaccini: 75mila firme per la petizione contro il decretoVaccini: 75mila firme per la petizione contro il decreto
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF