Sei in: Home » Articoli

Consulta: il divieto per i matrimoni omosessuali è conforme alla Costituzione.

omosessuali
Ancora una volta la Consulta ha ritenuto che non contrasti con il dettato Costituzionale il divieto di matrimoni omosessuali. La Corte Costituzionale, con l'ordinanza n. 276 del 22 luglio 2010,ha ritenuto di non poter accogliere il la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte di Appello di Firenze con riferimento degli artt. 107, 108, 143, 143-bis, 156-bis c.c, nella parte in cui non consentono il matrimonio tra persone del medesimo sesso rispetto agli art. 2, 3 e 29 della Costituzione. La richiamandosi all'art. 12 delle disp. prel. al c.c ha precisato che la legge impone d'interpretare le norme senza stravolgere il significato delle parole attraverso le quali si manifesta l'intenzione del legislatore e, non v'è dubbio, secondo la Consulta che nella lingua italiana, riportandosi alla definizione del Dizionario Devoto-Oli il matrimonio venga inteso come il “rapporto di convivenza dell'uomo e della donna in accordo con la prassi civile ed eventualmente religiosa, diretta a garantire la sussistenza morale, sociale e giuridica della famiglia” Richiamandosi così alla nota sentenza n. 138 la Corte ha dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale, degli articoli in esame, in riferimento all'articolo 2 Cost e la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale, in riferimento agli articoli 3 e 29 della Cost. .
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/07/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF