Sei in: Home » Articoli

Gratuito patrocinio: Consulta supera carattere 'assoluto' presunzione di abbienza per soggetti condannati per reati di cui all'art.416 bis cpc e 291 quater D.P.R n.43/1973

Con Sentenza n. 139 del 2010 la Corte Costituzionale ha riconosciuto l'illegittimità costituzionale parziale dell'Art. 76, c. 4° bis, del D.P.R 30/05/2002, n. 115, aggiunto dall'art. 12 ter, c. 1°, lett. a), del decreto legge 23/05/2008, n. 92, convertito con modificazioni in legge 24/07/2008, n. 125, ( Testo unico delle disposizioni delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia ), nella misura in cui esclude, per i soggetti condannati con sentenza definitiva, per i reati di cui alla disposizione censurata, la possibilità di ottenere l'accertamento dell' ' indisponibilità di un reddito superiore a quello richiesto ai fini della ammissione al patrocinio a spese dello Stato. La Corte, accogliendo parzialmente,la questione di legittimità sollevata, ha ritenuto che, neppure attraverso una lettura costituzionalmente orientata, sia possibile superare la presunzione iure ed de iure di cui all'articolo in oggetto. Esso, escludendo qualsiasi possibilità di accertamento sul reddito del richiedente circa il superamento di un reddito compatibile con il beneficio, contrasta con l'art. 3 e 24 c. 2e 3 Cost. Il patrocinio a spese dello Stato rappresenta uno strumento atto a consentire il pieno ed effettivo esercizio del diritto di difesa e la disposizione in esame introduce una irragionevole disparità di trattamento. Anche i soggetti già condannati con sentenza irrevocabile per i reati di cui all'art 76, c.4 bis potranno fornire la prova della sussistenza dei presupposti reddituali per l'accesso al patrocinio. Il richiedente dovrà dimostrare , con adeguate allegazioni, in modo chiaro ed univoco, il suo stato di “non abbienza” . Spetterà al giudice verificare l'attendibiltà di tali allegazioni.
Ma non sarà sufficiente una semplice autocertificazione.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/04/2010 - Elisa Barsotti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF