Sei in: Home » Articoli

Matrimonio gay: ecco i paesi che riconoscono le unioni tra coppie dello stesso sesso.

omosessuali
Sono molti ormai i paesi che riconoscono il matrimonio o le unioni civili tra coppie dello stesso sesso. Anche il Portogallo, da alcuni giorni è entrato nella lista dei paesi che consentono questa possibilità. Negli stati uniti le coppie gay si possono sposare in cinque stati e nel distretto di Washington. In sostanza il governo federale non risconosce i matrimoni gay, ma lo fanno cinque stati ossia il Connecticut, lo Iowa, il Massachusetts, il New Hampshire e il Vermont. Dal mese scorso si è anche aggiunto il distretto federale di Washington. In California poi la celebrazione del matrimonio è stata consentita dal giugno del 2008 fino al 4 novembre dello stesso anno. Una sentenza della Corte Suprema dello stato ha bloccato queste celebrazioni considerandole una violazione della costituzione dello stato. Sono rimaste valide però le unioni strette prima della sentenza. Ma qual'è la situazione in Europa?
Ecco una scheda sintetica:

Paesi scandinavi: già dal 1989 la Danimarca, per prima, ha riconosciuto le unioni degli omosessuali consentendo di ufficializzare il rapporto con una cerimonia civile. Il riconoscimento delle unioni è diventato una realtà anche in Islanda, Norvegia, Finlandia e Svezia.

Nel 2001 l'Olanda e' stato il primo Paese a consentire il matrimonio gay equioarandolo in tutto al matrimonio eterosessuale. Dopo tre anni di convivenza anche un acoppia dello stesso sesso ha diritto ad adottare bambini.

Il secondo Paese europeo che ha dato il via libera al matrimonio gay è l'Olanda mentre in Francia è stato approvato il Pacs (Patto civile di solidarietà) il 13 ottobre 1999 con l'inserimento nel codice civile di una definizione di concubinaggio che riguarda sia le coppie omosessuali che eterosessuali. Alcune norme fiscali consentono la denuncia dei redditi in comune, facilitazioni per la previdenza sociale, facilitazioni per mantenere l'appartamento in affitto in caso di morte dell'intestatario, congedi in caso di eventi gravi al partner, sconti sulla tassa di successione.

In Germania la legge sulle unioni gay risale al 2000 quando fu varata dal governo di Gerhard Schroder. La legge consente di farsi registrare ufficialmente come coppia presso il municipio e di portare un cognome comune. Sono riconosciuti anche diritti ereditari. Nel 2004 poi il parlamento di Berlino adota un nuovo sistema di regole che prevede anche la possibilita' per le coppie gay di adottare figli di precedenti matrimoni o nati attraverso il metodo dell'inseminazione artificiale.

LaGran Bretagna il 18 novembre 2004 approva una legge che riconosce alle coppie gay gli stessi diritti di quelle sposate. Si tratta del Civil Partnership Bill con cui la Gran Bretagna diventa il tredicesimo stato europeo a riconoscere e tutelare le coppie dello stesso sesso.

La Spagna ha approvato nel 2005 la legge per i matrimoni tra persone dello stesso sesso consentendo anche l'adozione.

Il Portogallo infine si è aggiunto alla lista. Ma solo da qualche giorno con il via libera Corte Costituzionale portoghese alla legge che autorizza i matrimoni gay. La legge era stata approvata lo scorso febbraio dal Parlamento.

(14/04/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolarlo online e il calcolo manuale
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
In evidenza oggi
Contratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitoreContratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitore
Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causaStrisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF