Sei in: Home » Articoli

Cassazione: i centri commerciali sono come la casa. Il furto è aggravato

Anche un centro commerciale deve considerarsi come luogo di privata dimora. Per questo chi commette un furto sarà soggetto all'aggravante. Parola di Cassazione. La Corte spiega che un centro commerciale è un po' come la casa perchè vi si "svolge parte delle attivita' della vita privata" della gente. Si tratta delle aggravanti previste dall'art. 624 bis c.p. che punisce "i furti commessi in abitazione o in luogo di privata dimora". La decisione è della quinta Sezione penale (sentenza 43452/2009) che ha accolto le richieste delle procura di applicare l'aggravande a due ladruncoli in precedenza condannati per furto semplice. E' stata la procura a far rilevare che il centro commerciale deve considerarsi luogo di privata dimora perche' in esso "le persone si trattengono per compiere atti della loro vita privata anche se in modo transitorio e contingente". La nozione di privata dimora - spiega la Corte - "comprende qualsiasi luogo destinato permanentemente o transitoriamente all'esplicazione della vita privata o delle attivita' lavorative, culturali, professionali".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/11/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: la pennichella può aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Commette reato per il praticante che si spaccia per avvocato
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Lavoro: la pausa caffè non è reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF