Sei in: Home » Articoli

Cassazione: perde la potestà genitoriale? Deve continuare a mantenere figli

Chi decade dalla potestà genitoriale resta comunquer obbligato a corrispondere l'assegno di mantenimento per i figli. Lo ricorda la Corte di Cassazione che ha cofermato una condanna per la violazione degli obblighi di assistenz inflitta da un uomo che dopo aver perso la patria potestà sui figli aveva deciso di tagliare il mantenimento alla ex moglie e alle due figlie. Secondo la Corte la perdita della potestà non è affato motivo per esimersi dagli obblighi del mantenimento. "La pronuncia della decadenza dalla potesta' genitoriale - scrive la Corte (sentenza 43288/2009) - lascia inalterati i doveri di assistenza del genitore decaduto, penalmente sanzionati, sicche' il provvedimento non incide sulla responsabilita' penale, e, pertanto, non preclude la commissione del reato di cui all'art. 570 c.p. e non ne fa venire meno la permanenza". Il padre, peraltro, era stato dichiarato decaduto dalla potestà proprio perchè anche in precedenza aveva fatto mancare i mezzi di sussistenza a moglie e figlie. Gia' nell'aprile 2007 la Corte d'appello di Napoli aveva condannato il padre a sei mesi di reclusione e a 400 euro di multa.
La Corte di Cassazione ha ora confermato il verdetto sottolineando come "la decadenza dalla potesta' dei figli" vuole punire il genitore "inadempiente dei poteri di rappresentanza e di amministrazione dei beni del figlio nonche' dell'usufrutto legale sui beni stessi, finalizzato alla sua educazione e istruzione". Il fatto che un genitore non faccia piu' il papa' "lascia inalterati i doveri di assistenza del genitore decaduto" che deve continuare a mantenere i figli.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/11/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF