Sei in: Home » Articoli

Privacy: influenza A? Tour operator può fornire alla ASL nomi di chia ha partecipato a vacanza

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 9 ottobre 2009) ha chiarito che il tour operator può fornire all'azienda sanitaria che ha in cura un paziente affetto da influenza A/H1N1 (cosiddetta febbre suina) l'elenco delle persone che hanno partecipato a un viaggio o soggiornato insieme al malato. Con questa decisione il Garante ha stabilito che in simili circostanze, alle ASL vanno comunicati i il nome, il cognome il recapito dei compagni di viaggio di una persona risultata affetta da influenza ‘A' al rientro da un soggiorno all'estero e ciò per consentire l'avvio delle profilassi previste. Il Garante ha quindi precisato che, in questi casi, non occorre il consenso degli interessati, poiché si tratta di dati necessari per raggiungere le finalità istituzionali dell'Azienda, tra le quali rientrano le attività di profilassi e controllo sulle malattie infettive. Alle Asl sono infatti devolute funzioni di prevenzione individuale e collettiva delle malattie e spetta loro adottare le misure ritenute più idonee a prevenirne l'insorgenza.
I dati richiesti, nome, cognome, recapito non possono, peraltro, considerarsi dati sensibili, in quanto non idonei a rivelare informazioni sulla salute. Il Garante ha comunque sottolineato che, le ASL dovranno trattare i dati di cui vengono a conoscenza nel pieno rispetto delle garanzie previste dal Codice per la privacy per il trattamento dei dati sanitari (informativa dettagliata all'utenza sull'uso dei dati, raccolta del consenso, adozione di elevate misure di sicurezza).
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/10/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF