Sei in: Home » Articoli

Cassazione: disinvoltura e abiti succinti non sono un si al rapporto sessuale

Sembrerebbero discorsi d'altri tempi, ma a quanto parte ancora oggi a non tutti è chiaro che un rapporto sessuale deve avvenire con il consenso dell'altra parte. Proprio in questi giorni la Corte di Cassazione ha dovuto riaffermare il principio per cui la disinvoltura con cui i giovani si rapportano al sesso e l'uso di abiti succinti non giustificano il sopruso di un partner sull'altro. Insomma, per chi ancora non lo avesse capito, la Corte ricorda che un rapporto sessuale se non avviene consensualmente è sempre da considerarsi stupro. La decisione è della terza sezione penale (sentenza 34870/2009) che ha confermato la condanna per violenza sessuale nei confronti di un uomo che aveva forzato la sua ex fidanzata ad avere con lui un rapporto sessuale. L'uomo, che era stato già condannato dai giudici di merito, ha tentato di difendersi affermando a sua discolpa che la sua ex aveva sollecitato l'incontro con una telefonata e che, con si era presentata con disinvoltura davanti a lui in ''abiti succinti''. Questo comportamento secondo l'imputato sarebbe stato un evidente si al rapporto. Piazza Cavour ha respinto il ricorso evidenziando che una simile osservazione rispecchia un comune modo di sentire dei giovani che sono soliti avere relazioni sentimentali con rapporti sessuali, allacciate e sciolte senza dare troppa importanza a cio'. Questo però non legittima in nessun caso il sopruso di una parte sull'altra.
"La disinvoltura nell'intrecciare rapporti da parte di ambo i sessi non deve mai fare perdere di vista la necessita' che cio' avvenga consensualmente", rimarcano gli 'ermellini'. Ma non basta la Corte sottolinea che "il consenso agli atti sessuali deve perdurare nel corso dell'intero rapporto senza soluzione di continuita', con la conseguenza che integra il reato di cui all'art. 609 bis la prosecuzione di un rapporto nel caso in cui il consenso originariamente prestato venga meno in itinere a seguito di un ripensamento o della non condivisione delle forme o modalita' di consumazione dell'amplesso". Per questo anche ipotizzando che nel corso della conversazione la ex ragazza avesse lasciato intendere una certa disponibilita', "di certo essa non persisteva piu' nel momento in cui l'uomo presentatosi a casa ha fatto le proprie avances''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/09/2009 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF