Sei in: Home » Articoli

Cassazione: dirigente mobbizza dipendenti? Può rischiare sospensione incarico

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 28553/2009) ha stabilito che il dirigente che mobbizza i suoi sottoposti va incontro alla sospensione dall'incarico. Nel caso di specie la Corte, nel confermare la sentenza di condanna di primo grado inflitta a un dirigente della PA ‘reo' di aver mobbizzato i suoi dipendenti, ha rilevato che “il Tribunale ha affrontato sia il tema della legittimità o non dei procedimenti disciplinari riconducibili all'indagato, di cui ha rimarcato l'inconferenza valutativa con il confronto della giurisprudenza di questa Corte regolatrice (…), sia la lineare riconducibilità sostanziale e non solo formale (in virtù della sua carica aziendale) (…) dei contegni prevaricatori attuati nei confronti di numerosi dipendenti (…)”.
“Il Tribunale ha offerto – prosegue la Corte -, infatti, una indiretta risposta ai rilievi formali del consulente sulla formazione dei collegi di valutazione della significatività medico – diagnostica degli episodi di mobbing, per il semplice motivo che la solidità del quadro indiziario è stata apprezzata in particolar modo in base alle dichiarazioni dei singoli lavoratori (…) raggiunti da comportamenti di mobbing (richiami, censure, procedimenti disciplinari, mansioni ridotte, ecc.)”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/07/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF