Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non devono pagare l'Irap i consulenti e i membri dei collegi sindacali

Con la sentenza 12653 del 28 maggio 2009, la sezione tributaria civile della Corte di cassazione ha stabilito che, sono presenti nelle liste dei cittadini che devono pagare l'Irap i ragionieri consulenti e membri dei collegi sindacali. La Corte, in camera di consiglio, non essendo necessario ulteriori accertamenti ha deciso la questione nel merito, emettendo un'ordinanza secondo cui “i presupposti dell'Irap per gli esercenti attività professionali sono costituiti dal possesso da parte del contribuente di beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per l'esercizio della professione o dall'avvalersi in modo non occasionale di lavori altrui, presupposto la cui insussistenza era stata dedotta dal contribuente. Va precisato che l'autonoma organizzazione è quella che fa capo al professionista e non quella di terzi presso il quale egli opera”. Inoltre, - concludono i giudici di legittimità - “ i compensi di componente di collegio sindacale io di amministratore non sono soggetti ad Irap”, in linea con quanto stabilito dalla sentenza del 2007 n.10594, sullo stesso tema.
(02/06/2009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» Responsabilità medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
" target="_top"> 'Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario '
'La notifica a mezzo servizio postale di un atto giudiziario, non consegnato personalmente al destinatario, si perfeziona soltanto alla data della notizia che l’ufficio postale dà a mezzo della raccomandata informativa '
' ' '
' '
' ' %>
Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF