Sei in: Home » Articoli

Cassazione: IVA immobili assegnati ai soci? Le cooperative edilizie possono recuperarla

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (sent. n. 11549/2009) ha stabilito che il socio di una cooperativa edilizia è sempre responsabile della maggiore Iva accertata dall'Erario sulla cessione dell'immobile che gli è stato assegnato e che la società può recuperare dal socio quanto ha versato al Fisco in qualità di destinataria dell'accertamento. La Corte, nel caso di specie, ha chiarito che “il soggetto che effettua la cessione dei beni (nella specie la cooperativa edilizia) ‘deve addebitare la relativa imposta, a titolo di rivalsa, al cessionario' (nella specie il socio assegnatario). Per conseguenza, la considerazione dei profili di responsabilità degli organi amministrativi della società, se poteva investire i componenti accessori del debito accertato dall'erario, quali interessi e sanzioni, che devono ritenersi estranei all'area della rivalsa contemplata nel titolo I, delle disposizioni generali (la solidarietà stabilita, a favore della sola amministrazione, dall'art. 60 bis – aggiunto con L. 30 dicembre 2004 n. 311, art. 1, comma 386 al titolo quarto del D.P.R. n. 633 del 1972 dedicato all'accertamento e alla riscossione, circoscritta al caso del mancato versamento dell'imposta, da parte del cedente, relativa a cessioni effettuate a prezzi inferiori al valore normale, è in ogni caso inapplicabile alla fattispecie giudicata, che è anteriore), non aveva relazione con la rivalsa dall'importo dello stesso tributo evaso. Sussiste pertanto la denunciata violazione del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 art. 18”.
Gli Ermellini hanno quindi pronunciato il seguente principio di diritto “a norma del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 18 la cooperativa edilizia cedente, che assegna un appartamento al socio, è tenuta a rivalersi su di lui della maggiore imposta sul valore aggiunto, che per la medesima cessione sia stata accertata dall'erario”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/06/2009 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF