Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pub mettono musica all'aperto? Può essere reato

Linea dura della Cassazione per i gestori dei locali notturni che fanno sentire la musica all'esterno dei locali durante le ore notturne. La Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 25716/2008) ha infatti precisato che "il reato contestato è quello di cui al primo comma dell'art. 659 c.p.p. che non richiede alcun superamento di soglie predeterminate purché la condotta sia idonea ad arrecare disturbo ad una serie indeterminata di persone. E' del tutto irrilevante che una serie indeterminata di persone si sia lamentata effettivamente, basta però che la condotta sia in sé idonea ad arrecare disturbo".
"Nel caso di specie – prosegue la Corte -, utilizzare un pub per trasmettere musica, anche dal vivo, con impianti di diffusione ad alto volume in piena notte collocati all'esterno del locale, è condotta certamente idonea ad arrecare disturbo ad una serie indeterminata di persone, per la collocazione in centro abitato. La sentenza impugnata da atto degli accertamenti compiuti dalla P.G. in tutti e tre gli episodi e pertanto deve essere confermata la continuazione".
Con questa decisione la Corte ha confermato la sentenza di condanna a carico del gestore di un pub per il reato di disturbo della quiete pubblica per aver diffuso musica ad alto volume all'esterno del locale.
Leggi la motivazione della Sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/09/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF