Sei in: Home » Articoli

Restituzione dei contributi previdenziali indebitamente pagati: danno da svalutazione monetaria

Nell'azione proposta dal datore di lavoro per la restituzione di contributi previdenziali non dovuti si deve applicare il principio nominalistico per cui l'obbligazione deve essere adempiuta mediante la restituzione della medesima quantitÓ di moneta salvo il riconoscimento degli interessi legali e del maggior danno che il creditore provi di aver subito a seguito del ritardo. Lo ha stabilito la Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. n. 14970/02), precisando che ai fini del riconoscimento del maggior danno da svalutazione monetaria il creditore "non pu˛ limitarsi ad allegare la propria qualitÓ di imprenditore e a dedurre il fenomeno inflattivo come fatto notorio, essendo egli tenuto, in base al generale criterio dell'onere della prova (art. 2697 cod. civ.), a fornire indicazioni in ordine al danno da lui subito come effetto della indisponibilitÓ del denaro determinata dall'inadempimento".
(13/12/2002 - Roberto Cataldi)
Le pi¨ lette:
» I procedimenti in camera di consiglio
» ResponsabilitÓ medica: reato di omicidio per il sanitario che sbaglia il triage
» Riforma giudici di pace: da oggi in vigore
» Leva obbligatoria per 8 mesi: la proposta al Senato
» Studi legali: addio al chiuso per ferie
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificatiAvvocati e professionisti: i versamenti sul conto corrente vanno giustificati
Divorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglieDivorzio: il risparmio del marito sul mantenimento dei figli non giova all'ex moglie
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF