Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Privacy: no all'uso delle impronte digitali nei corsi per i praticanti avvocati

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 12 febbraio scorso) ha stabilito che non è possibile installare sistemi biometrici di rilevazione delle impronte per disciplinare gli ingressi in aula di praticanti avvocati che seguono i corsi di formazione forense, per evitare assembramenti e/o code o scoraggiare abusivi scambi di tesserini.
Nel provvedimento, il Garante, ha precisato che l'uso delle impronte digitali (se può essere giustificato per obiettive e documentate esigenze di sicurezza di beni e persone in situazioni di elevato rischio), non può ritenersi lecito per generiche esigenze di sicurezza e di ausilio al rispetto delle regole scolastiche.
L'Autorità ha quindi precisato che verifiche più rispettose della sfera personale degli individui possono essere disposte, ad esempio, attraverso l'utilizzazione di tesserini magnetici o controlli a vista dei partecipanti.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/03/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
» Reato per il praticante che si spaccia per avvocato
» Basta la diffida per interrompere l'usucapione?
In evidenza oggi.
Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
Lavoro: la pausa caffè non è reato
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF