Sei in: Home » Articoli

Cassazione: furto in sagrestia? C'è l'aggravante

Anche la sagrestia deve essere considerato un luogo di culto e per questo, secondo la Corte di Cassazione in caso di furto o danneggiamenti deve ritenersi sussistente l'aggravante come quando tali fatti avvengono nei luoghi in cui si celebra la messa. E' quanto emerge da una sentenza della quinta sezione penale (n. 3561/2008) dove la Core evidenzia che per luogo di culto si deve intendere "non solo il locale destinato alle funzioni religiose, ma anche le sue pertinenze". E' stata consì confermata la condanna di un bolognese a sei mesi di reclusione e a 100 euro di multa (con l'aggravante) per tentato furto e danneggiamento in una sacrestia. Facendo proprie le motivazioni dei giudici di merito la Corte ha rilevato che "la sagrestia, in quanto luogo nel quale solitamente sono conservati oggetti di culto, e' da considerarsi essa stessa luogo di culto". Inoltre, secondo la Corte, "il concetto di edificio abbraccia l'intero immobile e dunque, nel caso di una chiesa, non solo il locale destinato alle funzioni religiose, ma anche le sue pertinenze".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/02/2008 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF