Sei in: Home » Articoli

Decreto Scuola: ripristino del tempo pieno e sanzioni per i docenti

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto legge concernente ''disposizioni urgenti per assicurare l'ordinato avvio dell'anno scolastico 2007-2008''.
Ecco le principali novità introdotte con il provvedimento:
1. ripristino del tempo pieno: il decreto ripristina nella scuola primaria il tempo pieno. Pertanto sulla base delle richieste della famiglie e in considerazione della disponibilità predisposti dagli Enti Locali, le classi potranno essere organizzate con un orario di 40 ore settimanali;
2. idoneità per l'ammissione agli esami di terza media: i consigli di classe avranno il compito di esprimere il giudizio per l'ammissione all'esame di terza media.
Per i candidati esterni che vogliono partecipare agli esami di stato sarà necessario presentare una domanda all'ufficio scolastico regionale che provvederà alla distribuzione tra le diverse commissioni tenendo conto delle richieste dei candidati. 3. introduzione di sanzioni disciplinari nei confronti dei docenti: d'ora in avanti saranno più rapide le procedure per le sanzioni disciplinari a carico dei docenti che dovranno concludersi entro 120 giorni senza che il parere del consiglio di disciplina possa ritenersi vincolante. E' anche possibile una sospensione cautelare che, in casi di particolare urgenza, può essere disposta dal Dirigente Scolastico salva convalida entro 10 giorni da parte del Dirigente dell'ufficio scolastico regionale. Sulla base di quanto prevede il decreto, è anche possibile utilizzare il docente per compiti diversi dall'insegnamento qualora abbia tenuto comportamenti lesivi della dignità della persona del prestigio e del decoro dell'amministrazione scolastica provocando un turbamento grave nella scuola con pregiudizio nel rapporto fiduciario tra scuola e famiglie.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/09/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF