Sei in: Home » Articoli

Infortunio sul posto di lavoro e responsabilitÓ del datore di lavoro

E' principio consolidato in giurisprudenza quello in forza del quale, in caso di infortunio occorso sul posto di lavoro, la responsabilitÓ del datore di lavoro sia esclusa solo quando la condotta del dipendente presenti i caratteri dell'abnormitÓ o dell'imprevedibilitÓ. Oltre a ci˛, quando il lavoratore attribuisca al datore di lavoro una responsabilitÓ ex art. 2087 c.c., egli non Ŕ gravato dall'onere di provare le specifiche omissioni del datore in relazione alle norme antinfortunistiche, essendo soltanto tenuto a fornire prova dell'infortunio, del danno che ne Ŕ conseguito, del nesso eziologico e della nocivitÓ dell'ambiente di lavoro. DovrÓ, pertanto, essere il datore di lavoro a dimostrare di aver adottato tutte le cautele atte ad evitare che i lavoratori, esperti od inesperti che siano, restino coinvolti in lavorazioni pericolose.
Cassazione civile, sez. lavoro, 18 maggio 2007, n. 11622 - Avv. Valentina Rossi
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/08/2007 - www.laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

Le pi¨ lette:
» Avvocati: la pennichella pu˛ aiutare a vincere le cause
» Telecamere negli ospizi: approvata la prima legge regionale
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Milleproroghe: approvate le norme sugli avvocati
» Avvocati: via libera alla rottamazione dei debiti con la Cassa
In evidenza oggi.
Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
Biotestamento: arriva il diritto alla sedazione profonda?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF