Sei in: Home » Articoli

Privacy: telecamere in piscina? Vietate se riprendono le persone negli spogliatoi

IL Garante per la protezione dei dati personali (newsletter del 3 maggio scorso) ha stabilito che è vietato utilizzare sistemi di videosorveglianza che riprendano persone negli spogliatoi delle piscine. L'Autorità ha reso noto di essere intervenuto sulla questione a seguito di una segnalazione da parte dei Carabinieri relativa ad alcune telecamere installate in una piscina che riprendevano indebitamente clienti e ospiti. I Carabinieri erano infatti venuti a conoscenza della presenza delle telecamere a seguito della denuncia di un furto avvenuto all'interno degli spogliatoi di una piscina.
Dall'esame delle registrazioni è quindi emerso che le telecamere, oltre a controllare la zona adibita a guardaroba, riprendevano direttamente le persone anche mentre si cambiavano. Nei pressi dei locali, alcuni cartelli riportavano soltanto una scarna informativa sull'uso di un sistema di videosorveglianza. Il Garante ha così precisato che pur essendo lecito l'utilizzo della videosorveglianza per tutelarsi da eventuali danni o furti, nel caso di specie, non erano stati adottati accorgimenti tecnici volti ad evitare riprese di persone negli spogliatoi.
E' stato quindi disposto il divieto di installare telecamere con queste modalità, ha bloccato il trattamento dei dati già raccolti ed eventualmente conservati e, infine, ha obbligato la società in questione, ad adottare tutte le misure e gli accorgimenti necessari ad evitare la ripresa delle persone nei locali adibiti a spogliatoi e di assicurare una adeguata e dettagliata informativa ai clienti sulla presenza di telecamere.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/05/2007 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF