Sei in: Home » Articoli

In libreria: Figli condivisi. La psicologia dello sviluppo nella mediazione familiare

Il modo con il quale i figli reagiscono alla separazione dei genitori non può essere considerato solo nelle sue espressioni manifeste, ma deve tener conto anche del loro vissuto emozionale in rapporto allo sviluppo psicologico nelle diverse fasce di età. Il libro si pone come risposta a questi problemi nella misura in cui essi si possono risolvere con una comunicazione efficace sul piano della gestione delle emozioni. La separazione ed il divorzio gestiti selvaggiamente presentano il grosso rischio di far perdere ai figli il senso più profondo del proprio ruolo e della propria identità generazionale. Il tema dei figli coinvolti nelle separazioni è tornato alla ribalta della cronaca con l'approvazione delle "Nuove disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso di figli" a cui ha fatto seguito il dibattito, ricco di contraddizioni e accese polemiche, tra sostenitori e detrattori della normativa. Ora che le fiamme delle polemiche sono ridotte a brace accesa sul problema delle emozioni negative, che si riflettono su bambini e ragazzi coinvolti nella fine del matrimonio dei genitori, il quesito decisivo è sulla sorte della genitorialità.


- Prezzo: € 20.00
- Edizioni Univ. Romane 2007
- Pagine 298

Acquista on line

Cerca altri libri:



(24/05/2007 - Recensione)
Le più lette:
» Trattamento fine rapporto: il calcolo online e il calcolo manuale
» La domanda riconvenzionale nel giudizio ordinario
» Strisce blu, sosta gratis se non c'è il bancomat: ecco il testo della sentenza e l'intervista allo studio legale che ha vinto la causa
» Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
» Avvocati: cos'è e come funziona la card per girare in Europa
In evidenza oggi
Carta d'identità elettronica: al via da oggiCarta d'identità elettronica: al via da oggi
Contratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitoreContratti luce: se il consenso del cliente è "estorto" si torna al vecchio fornitore
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF