Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: posti auto nel condominio non equivalenti per comoditÓ d'uso? No alla scelta in base ai millesimi

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 26226/2006) ha stabilito che in un condominio, l'uso del garage in comunione pro indiviso fra tutti i condomini (in cui il diritto di ciascuno investe l'immobile nella sua totalitÓ) in caso di posti auto non equivalenti per comoditÓ d'uso, non pu˛ essere attribuito in base ai millesimi della proprietÓ. I Giudici del Palazzaccio hanno quindi stabilito che Ŕ illegittima la delibera condominiale che consente la scelta del posto auto in funzione dei millesimi di proprietÓ. In particolare la Corte, chiamata a decidere sulla questione sollevata da un condomino che lamentava un posto auto (in un garage condominiale a uso promiscuo) scomodo e attribuitogli in base ai millesimi della sua proprietÓ, ha stabilito che , "la quota di proprietÓ di cui all'articolo 1118 Cc, quale misura del diritto di ogni condomino, rileva relativamente ai pesi ed ai vantaggi della comunione; ma non in ordine al godimento che si presume uguale per tutti, come ribadisce l'articolo 1102 Cc con il porre il limite del "pari uso"". Infine la Corte ha precisato che nel caso in cui i posti macchina non siano equivalenti per comoditÓ d'uso, in caso di disaccordo tra i condomini, il criterio da seguire Ŕ quello indicato dall'articolo 1102 del codice civile che ponendo il limite del cd. "pari uso", impedisce di fatto che alcuni comproprietari facciano un uso della cosa comune, dal punto di vista qualitativo, diverso rispetto agli altri.
Leggi la motivazione della sentenza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/01/2007 - Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa nÚ obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Gratuito patrocinio: onorari pi¨ alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari pi¨ alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF