Sei in: Home » Articoli

Multe: Cassazione, l'agente che previene incidenti può non contestare subito

Prima la prevenzione sulle strade, poi la contestazione della multa. I poliziotti impegnati a prevenire gli incidenti possono non contestare immediatamente un'infrazione al Cds. La multa, dice la Corte di Cassazione, deve comunque essere pagata. A fare le spese della sentenza 17573/05, un automobilista di Caltanissetta, Pietro L.R. che si era opposto a tre infrazioni di 500 euro complessive ''accertate con apparecchiatura Infratel'' nell'ottobre del '98 contestategli con successiva raccomandata a casa dalla Polizia Stradale di Caltanissetta. Gli agenti non avevano contestato l'infrazione subito ''perche' in servizio con auto munita di targa di copertura nell'espletamento del servizio di prevenzione e repressione a tutela della collettivita'''. L'automobilista ha protestato in Cassazione dopo che il Tribunale di Caltanissetta, nel febbraio del 2000, aveva convalidato le sanzioni amministrative sostenendo che ''ragioni di riservatezza avevano legittimamente impedito la contestazione immediata''. La Prima sezione civile, contrariamente alle richieste del pg Carlo Destro che ha chiesto l'annullamento della sanzione, ha respinto il ricorso di Pietro L.R. sottolineando ''l'impossibilita' della contestazione immediata'' alla luce del fatto che ''la Polizia viaggiava con autovettura munita di targa di copertura nell'espletamento del suo servizio di prevenzione e repressione a tutela della collettivita''' e che dunque ''non era opportuno esporsi''. L'automobilista, oltre alla multa di 500 euro, dovra' sborsarne altri 400 per le spese processuali.
(28/09/2005 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF