Sei in: Home » Articoli

Privacy: Pubblicità per posta e diritti dei cittadini

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 21-27 giugno 2004) ha reso noto di aver condannato una nota casa editrice al pagamento delle spese del procedimento, per aver fatto pubblicità per posta e non aver risposto alle richieste di un destinatario. Il Garante ha riconosciuto responsabile la casa editrice per aver spedito a un cittadino italiano un invito ad abbonarsi a una delle riviste pubblicata in collaborazione con un editorie straniero e per non aver dato risposta alla richiesta dell'interessato che, infastidito dalla lettera, aveva chiesto alla casa editrice di sapere, in particolare, dove fossero stati reperiti i suoi dati personali, con quali modalità essi venivano utilizzati e per quali scopi.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/07/2004 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF