Sei in: Home » Articoli

Cassazione: cibo a gatti randagi? La vicina può essere insultata

Via libera agli insulti nei confronti dei vicini di casa che hanno l'abitudine di dare cibo ai gatti randagi. Per quanto riprovevoli, infatti, le ingiurie saranno legittimate dall'aver agito ''in stato d'ira'' per ''il fatto ingiusto altrui''. Lo ha sancito la Corte di Cassazione che ha annullato la condanna per ingiurie continuate inflitta a Rosalba Z., una 47enne di Benevento che aveva insultato la vicina di casa per aver dato spesso cibo ai gatti randagi nel terrazzo condominiale. Assolta dal Tribunale di Benevento, la signora Rosalba si era vista condannare dalla Corte d'appello di Napoli nel gennaio del 2003 per ingiurie continuate nei confronti della condomina Giulia Z. del tutto ingiustificate, ad avviso dei giudici di merito, le ingiurie di Rosalba nei confronti di Giulia poiche' il dare ''abitualmente cibo ai gatti randagi non poteva considerarsi illegittimo e neppure disdicevole''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/06/2004 - Adnkronos)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF