Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Codice deontologico forense: pubblicato il regolamento sulla pubblicità

Pubblicato il regolamento sulla pubblicità del codice deontologico forense. Trenta giorni di tempo per conoscere le variazioni
home_sito_avvocati id13836

di Marina Crisafi - Entro trenta giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ogni variazione del codice deontologico forense e i relativi aggiornamenti dovranno essere pubblicizzati sui siti internet del Consiglio nazionale Forense, della Cassa Nazionale di Previdenza e assistenza forense e dei Consigli degli Ordini circondariali.

Così dispone il decreto del Ministero della giustizia n. 38 dell'11 marzo 2015 (qui sotto allegato) recante disposizioni sulle “forme di pubblicità del codice deontologico e dei suoi aggiornamenti, emanati dal consiglio nazionale forense”, a norma dell'art. 3, comma 4, della l. n. 247/2012”.

Il nuovo regolamento, attuativo della previsione della riforma professionale che stabilisce che il codice e ogni suo aggiornamento siano resi accessibili a chiunque secondo le disposizioni fissate con decreto del Ministro della giustizia, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 77 del 2 aprile ed entrerà in vigore il 17 aprile prossimo.

Da questa data, dunque, il Cnf, la Cassa forense e gli Ordini avranno trenta giorni di tempo (dalla divulgazione in G.U.) per pubblicare sui propri siti istituzionali qualsiasi modifica apportata al codice deontologico (e suoi aggiornamenti), al fine di portarla a conoscenza di tutti gli interessati, ferma restando l'entrata in vigore del codice stesso, che avviene (come stabilito dalla legge professionale) una volta decorsi 60 giorni dalla pubblicazione in G.U.

Qui il d.m. n. 38/2015
(05/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF