Sei in: Home » Articoli

Italiani “mammoni”: due giovani su tre vivono con i genitori!

A dispetto degli annunci sull'”effetto Jobs Act” quasi il 66% della fascia di popolazione tra i 18 e i 34 anni, vivono ancora con mamma e papà!
bamboccioni sorpreso sorpresa stupore stupita ops incredibile

A dispetto degli annunci sull'”effetto Jobs Act” e sui timidi segnali di ripresa dell'economia italiana, due giovani su tre nel nostro Bel Paese, cioè quasi il 66% della fascia di popolazione tra i 18 e i 34 anni, vivono ancora con mamma e papà!

A rilevarlo è l'Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea, nel rapporto pubblicato in questi giorni.

Un dato impressionante soprattutto se paragonato agli altri Paesi europei, dove le cifre dei giovanissimi arrivano al massimo al 42%, in Germania, scendendo poi al 34% circa, in Francia e Gran Bretagna.

Se si confrontano i dati Eurostat con quelli Istat, si tratterebbe in sostanza di oltre 7 milioni di persone, peraltro in crescita, secondo l'istituto, di 5 punti percentuali rispetto al 2008 (60,5%), contro gli aumenti ben più ridotti di Francia e Germania (solo due punti) e addirittura la diminuzione della Danimarca (dove la percentuale è pari al 15,8%).

La musica non cambia se ci si sposta nella fascia di età più “adulta”.

Trai i 25 e i 34 anni, infatti, quasi un giovane su due (ovvero il 49,4%) vive a casa con almeno un genitore a fronte di una media di poco superiore al 28% dell'area Ue.

Entrando nello specifico, in tale fascia, i giovani italiani superano di gran lunga i coetanei francesi (11,3%), tedeschi (16,8%), inglesi (13,8%) e anche gli spagnoli (37,4%), posizionandosi meglio solo dei greci, slovacchi e bulgari (dove la percentuale supera il 50%).

I più “mammoni” sono i maschi (il 57,5%), contro il 41,1% delle femmine, e oltre il 43% (della fascia di “giovani adulti” tra i 25 e i 34 anni”) preferisce rimanere a vivere nella famiglia di origine anche se ha un lavoro a tempo pieno. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/02/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF