Diritto di Famiglia

Cassazione: movimentazione di conti correnti e determinazione dell'assegno di mantenimento

Corte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 1264 del 26 Gennaio 2015.
divorzio separazione coppia litigano

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 1264 del 26 Gennaio 2015. Se, a seguito di intervenuta separazione personale dei coniugi, il marito movimenta i conti correnti a lui intestati, tanto basta per fondare la decisione del giudice di quantificare l'assegno di mantenimento – destinato, nel caso di specie, sia alla sussistenza della moglie che dei figli, non ancora economicamente autosufficienti – in maniera cospicua. E' quanto ha deciso la Suprema corte nel caso in oggetto, rigettando il ricorso promosso dall'interessato.


E' principio consolidato in giurisprudenza quello secondo il quale “l'assegno divorzile compete al coniuge che sia privo di mezzi, tali da potergli permettere il mantenimento di un tenore di vita analogo a quello tenuto durante la vita matrimoniale”. Nel quantificare l'assegno di mantenimento il giudice del merito ha tenuto correttamente conto sia del modestissimo reddito della moglie, sia delle circostanze patrimoniali accadute anche dopo le separazione, come la costituzione di una società per azioni, costituzione avvenuta mediante ingente conferimento di denaro, anche grazie ad una donazione milionaria che il ricorrente ha ottenuto dal padre. Senza poter effettuare un nuovo esame nel merito, la Cassazione ha effettuato un controllo circa la legittimità della motivazione addotta dalla Corte d'appello, giungendo alla conclusione che essa fosse esente da ogni vizio lamentato. Le circostanze di fatto sopra descritte, esaminate congiuntamente, sono dunque valide per fondare la decisione del giudice del merito di quantificare in maniera ingente l'importo dell'assegno di mantenimento periodico.

Vai al testo dell'ordinanza 1264/2015
(30/01/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF